Network Marketing: Online o Offline?

Sei un Networker? Meglio fare Attività Online o Offline?

Fino a prima dell'avvento del web l'attività del networker si svolgeva completamente offline: riunioni a casa propria, a casa di amici, in hotel... Le persone dovevano uscire di casa, spostarsi e riunirsi... Un modo di fare attività piuttosto faticoso e limitato.

Faticoso perché spesso per recarsi ad una riunione era necessario fare anche decine, se non centinaia di km... e le persone si sa, sono piuttosto pigre. Farle addirittura spostare per lunghi tragitti era tutt'altro che semplice: molte erano le defezioni dell'ultimo minuto..

Limitato perché alla fine le persone presenti ai vari meeting erano amici od amici degli amici e abitanti comunque in un ristretto raggio chilometrico...

Con l'avvento di Internet le cose sono molto cambiate: la rete unisce e riunisce in modo istantaneo persone abitanti in città, regioni, nazioni e continenti diversi. Le distanze vengono praticamente annullate e con esse i limiti del networker vecchio modello: si apre una vera e propria finestra sul mondo intero...

La possibilità inoltre di promuovere la propria attività od i propri prodotti tramite strumenti mirati come campagne pubblicitarie targhettizzate su parole chiave molto attinenti ai propri ambiti, fa si che si vadano a sollecitare utenti potenzialmente molto interessati, sopratutto utenti che in quel preciso istante sono alla ricerca di quella determinata soluzione (volta ad un beneficio fisico/materiale o economico).

Parliamo in questo caso di una pubblicità dove la persona riveste un ruolo attivo: è essa stessa che sta cercando un qualcosa e quindi il suo interesse, la sua propensione sono molto elevati. Un conto è andare a sollecitare un soggetto che non ci ha manifestato nessuna esigenza (andare ad esempio ad inviare una persona ad una riunione in un hotel senza che essa ce lo abbia esplicitamente chiesto) ed un conto è avere a che fare con un soggetto che arriva a noi perché attirato da un annuncio sponsorizzato che gli appare in modo non casuale (cioè in relazione alle parole chiave che ha inserito su di un motore di ricerca). In questo caso di dice che il contatto è molto in TARGET.

Ovviamente più un contatto è in target e maggiore sarà la possibilità di chiudere la vendita/l'iscrizione del nuovo incaricato.

Fino a qualche anno fa i motori di ricerca, google in primis, facevano la parte del leone: sfruttando canali pubblicitari a pagamento era infatti possibile apparire col proprio messaggio di fronte a persone in quel momento alla ricerca di un qualcosa molto simile alla nostra proposta...

Negli ultimi due/tre anni le attenzioni degli online marketer e, nel nostro specifico caso, dei networker, si sono rivolte verso un altro canale sempre più importante.... I Social Network.

QUALI I SOCIAL NETWORK SU CUI PUNTARE PER FARE NETWORK MARKETING?

Sicuramente Facebook, Linkedin, Twitter e Instagram.

Per comodità, ma soprattutto per numero di utenti e versatilità amo utilizzare principalmente il social di Mark Zuckerberg.

Chi oggigiorno non accede a Facebook almeno una volta al giorno? Visto e assodato questo fenomeno, dove andare a fare attività di network marketing (sia lato clienti che incaricati) se non su Facebook stesso?

Se le persone sono lì, spesso anche per diverse ore al giorno, perché non ANDARE A CERCARVELE? Sfruttare FB significa avere una finestra aperta su oltre 28 milioni di persone della sola popolazione italiana (sui circa 30 milioni di utenti internet 2016)...

COME MUOVERSI SU FACEBOOK PER FARE CONTATTI DI NETWORK MARKETING?

Le dinamiche sono ben diverse da quelle dei motori di ricerca... le analizzeremo in  un prossimo post.

Commenta questo post con Facebook!